“The forest of love” – Sion Sono

Purtroppo questo THE FOREST OF LOVE non è l’unico passo falso che Sion Sono sta lasciando in questa parte di carriera. Il suo cinema anarchico rischia di diventare la caricatura di se stesso e l’ennesimo giro di musica classica usata nelle sue scene, risuona a vuoto. Il metacinema, le problematiche dei giapponesi, il lato cruento…

“Woman Basketball Player No. 5” – Xie Jin

Sono i primi anni della Repubblica Popolare Cinese. Una generazione di cineasti sta per nascere, tra cui Xie Jin, un futuro maestro. Il suo debutto “Woman Basketball Player No. 5” è il primo film sportivo a colori. Racconta di un allenatore che deve preparare una squadra di basket femminile per le gare nazionali. Un film…

Tatsuya Tanaka

Tatsuya Tanaka, artista dalla straordinaria fantasia, assembla delle scene in miniatura sfruttando oggetti comuni e le fotografa per un progetto intitolato “Miniature Calendar”. Link: http://www.miniature-calendar.com  

“Max & Romain” – Martin Werner

  Martin Werner, regista scandinavo, dirige questo spot per la “Bouygues”, intitolato “Max & Romain” [2020]. Toccante e delicato. La storia di due amici; perché un’amicizia è per sempre.   Scheggiometro:  

“The Muzzled Horse of an Engineer in Search of Mechanical Saddles” – Khavn De La Cruz

C’è un ingegnere che attraversa Manila ed è ossessionato dai cavalli. Le immagini, di un giallo che stordisce, sono accompagnate da alcuni versi. Tra un fotogramma e l’altro, un accoppiamento. Intanto l’ingegnere continua a percorrere le caotiche vie. La musica è uno strimpellare anarchico. C’è una prostituta. Khavn, il pazzoide regista filippino dello stupendo “Mondomanila”,…

Dawid Planeta

Dawid Planeta è nato a Cracovia nel 1990. E’ un illustratore; il suo progetto “Minipeople in the jungle” vuole rappresentare il suo duello contro la depressione.  

“House of Wolves” – House of Wolves

Le presentazioni: Rey Villalobos è HOUSE OF WOLVES. Il cantautorato americano ha una nuova scheggia. Abbiamo ascoltato quest’album del 2016. L’ ascolto: Sussurra la sua voce, sembra spezzarsi da un momento all’altro per un dolore incontenibile. Un drappo rosso, pieno di poesie, cala su un palco appena illuminato. Un romanticismo perduto in ballate senza tempo….

“The slow rush” – Tame Impala

Le presentazioni: Tame Impala ovvero Kevin Parker dall’Australia, al quarto album. L’ ascolto: Si prosegue attraversando “Currents”. Emorragie di loop che spaziano da sonorità dance a psych-pop. Un illusorio easy-listening che s’infrange nelle nostre orecchie. Mancano i pezzi portanti dello scorso album, ma il progetto di Parker continua a incuriosire. La Scheggia: “One more hour…

“Road trip” – Benito Montorio

    Benito Montorio è un regista nato a Napoli e cresciuto in Gran Bretagna. Oltre a girare documentari, ha realizzato alcuni spot. Vediamo quello realizzato per la “Cesar”, intitolato “Road trip”. [2016] Scheggiometro:

Teemu Jarvinen

Teemu Jarvinen è un fotografo finlandese. I suoi scatti ci portano nelle metropoli; soprattutto quelle asiatiche che predilige per gli scenari alla “Blade Runner”. Link: https://teemusphoto.com/

“The Strokes/At the door” – Mike Burakoff

  Mike Burakoff si affida alle animazioni tipiche degli anni ottanta per il video del singolo “At the door” dei THE STROKES. In particolare, c’è l’omaggio al film “Heavy Metal” del 1981. Seguiamo la storia di un ragazzo che subisce i suoi genitori e un un mondo intergalattico in battaglia… Scheggiometro:  

“Principianti” – Raymond Carver

Antologia di racconti di Carver in versione originale, senza i tagli dell’editor Gordon Lish. Amori infranti, addii, storie dove l’alcol compare spesso. Una lucida follia minimalista affogata in un bicchiere di whisky. Ma annacquato. Non sono entrato in sintonia con lo stile di Carver, ho faticato molto a concludere questo PRINCIPIANTI, testo idolatrato da molti….

“An elephant sitting still” – Hu Bo

Uno spaccato doloroso che arriva dalla Cina. Quattro ore di film per l’unica opera di Hu Bo, regista ventinovenne suicidatosi dopo aver concluso il montaggio. Quattro storie che s’intrecciano sotto un cielo plumbeo, tra luoghi fatiscenti e un viaggio, alla ricerca di un elefante… La camera segue il destino dei personaggi, mossa con abile fluidità,…

“What did Jack do?” – David Lynch

Un detective raggiunge una scimmia di nome Jack al bar della stazione dei treni per interrogarla… 17 minuti per il nuovo David Lynch ovvero un cortometraggio apparso su Netflix. In Bianco e nero e con il solito adorato mondo dell’assurdo. Una conversazione che sfida le regole dello spazio-tempo. Noriko Miyakawa ha curato gli effetti speciali,…

“When we stay alive” – Poliça

Le presentazioni: Da Minneapolis, la band di ‘Give you the ghost” e “Shulamith” giunge al quinto album. L’ ascolto: Elettronica. Elegante. Eterea. La femminilità di Channy Leaneagh rende WHEN WE STAY ALIVE un viaggio magnetico, senza scossoni, in un clima soave di elettro-pop. Si ascoltano con piacere queste dieci tracce, che diventano minuto dopo minuto,…

Erik Johansson

Erik Johansson, svedese, un mago della fotografia digitale. Un genio che manipola le immagini per creare mondi sospesi tra sogno e realtà. Link:https://www.erikjo.com/

Alexey Kondarov

Alexey Kondarov (Kiev, Ucraina) usa il fotomontaggio per portare figure dell’arte classica su scenari metropolitani. Napoli è tra le sue fonti d’ispirazione. I risultati sono sorprendenti. Link: http://alksko.com/  

“La ragazza d’autunno” – Kantemir Balagov

Ingresso n.1246 del 15 Gen 2020 al Farnese. 1945. La guerra è al termine ma anche se non ci sono più bombe, i drammi umani attanagliano Leningrado. La protagonista è Iya, un’infermiera che si prende cura di un bambino… Secondo film di Kantemir Balagov, promettente regista russo che con meticolosa precisione, allestisce un film visivamente…

“The Young Pope” – Paolo Sorrentino

THE YOUNG POPE è una serie televisiva diretta da Paolo Sorrentino, andata in onda nel 2016. In questi giorni Sky sta rilasciando la seconda stagione. È la storia di Pio XIII, un papa giovane, attraente e schivo che porterà la Chiesa verso un “cambiamento”… Sorrentino mostra l’umanità degli uomini di Dio, indaga sulla loro debolezza,…

“When I have fears” – The Murder Capital

Le presentazioni: Post punk che viene da Dublino. Il debutto (2019) dei THE MURDER CAPITAL. L’ ascolto: Una potenza oscura si avvicina, si alza un grido. Una protesta? Riff taglienti fendono il buio. La voce di James McGovern scaraventa un’inquietudine darkeggiante e la produzione di Flood (New Order; Depeche Mode; Nick Cave) evoca suggestioni impetuose….